"Parlare di Musica è come ballare di architettura" Frank Zappa

03 mag 2017

MITI E LEGGENDE DA ARCHIVIARE: LA SEDUTA SPIRITICA, DOVE ANCHE KING DIAMOND SI SPAVENTA




La seduta spiritica è quel rituale con il quale si può chiedere udienza a morti o entità soprannaturali. In realtà ci si deve accontentare di morti irrisolti, che vagano in attesa di sistemazione, o rigurgitati dall'inferno. Interpellare gente perbene, col posto fisso in paradiso, è questione controversa, e la spiegazione più logica è che, come in tutti i sedicenti “paradisi”, chi è dentro non abbia possibilità di comunicare liberamente con l'esterno.

Pur trattandosi di fondamentali violazioni della fisica e dell'ordine spaziotemporale, le sedute
spiritiche prevedono una professionalità maturata nell'al-di-qua. Il soprannaturale, infatti, in ogni sua manifestazione, è definibile come una supercazzola complessiva che però prevede dettagli tanto inutili quanto precisi e rigorosi. Ci vuole un medium, cioè uno che abbia il nulla per mediare il nulla, e faccia da tramite, facendosi possedere dalle entità, a suo rischio e pericolo. Il medium apre i canali servendosi anche dei presenti, a cui estende le capacità di dialogo con gli spiriti, tramite un contatto fisico, la “catena” di mani. Una specie di vigile urbano del limite tra i mondi.

Sulle sedute spiritiche mi resta sempre impresso l'avvertimento di King Diamond. Nonostante tutto, l'autorevolezza di King ha il suo peso, quando ammonisce a non scherzare coi morti. "Don't break the oath" si apre con “A dangerous meeting”, parabola di un gruppo di ragazzi che organizza una seduta spiritica amatoriale, senza contare che queste cose richiedono competenza, e rimangono morti durante la trance. Qualsiasi cosa sia la trance, loro ci muoiono. King, benché il cantato in falsetto desse un tono grottesco al tutto, era talmente serio che metteva paura, e suonava davvero preoccupato per questo gruppo di sciamannati che volevano “giocare coi poteri dell'inferno”. Durante la seduta inizia a piovere, ma ormai nessuno “può avvertire la pioggia”: forse perché già sono in uno stato di coscienza alterato, o magari semplicemente perché stanno facendo la seduta al coperto, chi lo può dire?
Il commento finale faceva raggelare “Certa gente ha perso la strada, certa gente ha perso la ragione....”, ribadito con voce stridula in chiusura da King. Un grande interprete, che riesce a cavare il sangue da una rapa, perché una vicenda del genere di per sé avrebbe del ridicolo.
Come se non bastasse, nel seguito del disco King rampogna una coppia di amanti che tromba di sera al cimitero ("Desecration of souls"), non per moralismo, ma perché i morti pare non gradiscano quest'uso improprio del loro ambiente di riposo.
Eppure ricordo almeno una seduta spiritica trasmessa su Mai Dire TV, senza che succedesse niente. I convitati evocavano lo spirito di Cristoforo Colombo, dopo di che gli chiedevano chi preferisse come comico tra una rosa di nomi, incluso Beppe Grillo. La medium, in trance, prestava la bocca al fantasma per scandire con voce stentorea: “Grillo è simpatico...”.
Memorabile anche l'invocazione degli spiriti tramite un libro magico che dondolava tramite una chiave appiccicata con lo scotch, ad opera del Mago Gabriel. Oggetto dell'interrogazione era se calerà il livello di smog nelle grandi città, e gli spiriti fornirono risposta affermativa.

Ma tornando a gente di altro livello, sempre King Diamond in “Melissa” vuole confonderci le idee, e fa un grande pastrocchio liturgico mescolando la lettura del futuro, la messa nera e la seduta spiritica.

Mi inginocchio di fronte all'altare, la croce di Satana sul muro
uno strano senso di vuoto, una sfera di cristallo tra due candele....”

La preghiera per la strega Melissa, morta sul rogo, si unisce ad una sua invocazione dall'oltretomba. Se dovesse materializzarsi, ecco subito pronta la sfera di cristallo per metterla al lavoro e dirci un po' di previsioni del futuro. Il tutto piazzato su un altare, casomai arrivassero anche gli amici si aggiunge un posto a tavola e ci scappa la messa nera.
Fatta in questo modo, per King, è una cosa decente. I ragazzini di prima invece meritavano di rimanerci secchi per aver preteso di improvvisarsi medium. Mah!...

Il problema vero delle sedute spiritiche è che sostanzialmente i morti tendono a rivelare delle cazzate di utilità zero, o destinate ad essere equivocate senza poter incidere sulle scelte dei partecipanti.
C'è una “seduta spiritica” famosa nella storia contemporanea. Alcuni tipi, incluso l'ex premier Romano Prodi, riferirono di aver fatto una seduta spiritica di quelle con tavoletta alfabetica e oggetto che si sposta a scandire le parole. Erano i giorni del sequestro Moro, e lo spirito aveva scandito la parola “Gradoli – Bolsena”. O una presa in giro, o una soffiata a cui qualcuno aveva aggiunto un dettaglio completamente sballato (Bolsena). Gradoli era infatti via Gradoli, sede di una base brigatista a Roma, mentre le forze dell'ordine furono indirizzate al paese di Gradoli, sul lago di Bolsena. Ma chi era il depistatore? Il medium che si era permesso di interpretare anziché trascrivere? Il partecipante semplice, che senza alcuna autorità (manco quella del medium, che non è altissima) aveva chiosato la rivelazione del fantasma? Oppure il fantasma stesso che magari faceva il doppio gioco con i servizi segreti?

Ma questi, direbbe King, sono dilettanti e incoscienti. Le Bestie di Satana invece volevano fare sul serio. Il medium, nel gruppo, era anche lo sciamano, colui che provava le droghe per sondarne le proprietà mistiche. Mistico significa “nebbioso”, e infatti quel che appariva durante le sedute era forse il fumo di scarico delle teste dei partecipanti, oltremodo carichi di droghe di vario tipo. Nella sua autobiografia il medium del gruppo (Maccione) giura che all'inizio di queste sedute “per gioco”, aveva registrato davvero su nastro delle voci di fantasmi. Eppure giorni dopo, riascoltando il nastro...nulla, tutto scomparso! I fantasmi si aprono la porta da soli, entrano nella nostra dimensione e cancellano le prove. O forse saranno state le canne già all'ordine del giorno?

Comunque, qui parrebbe aver ragione King Diamond: evocare gli spiriti porta male. La follia era arrivata non solo al punto di commettere omicidi, ma anche al punto che i capi parevano dare un valore alle sedute e a quello che il demone comunicava loro. Si trattava poi di comunicazioni cosiddette teleologiche, cioè in pratica lo spirito gli dice quello che già avevano programmato di fare, come se provenisse da una volontà esterna. Comprare un chilo di pane, passare al Tabacchi per pagare le tasse automobilistiche, uccidere i traditori etc.

Houdini (l'illusionista che fu noto smascheratore di medium) lasciò scritto nel testamento che, chiunque avesse preteso di riferire suoi messaggi dall'oltretomba avrebbe dovuto anche conoscere una “parola d'ordine”, oppure sarebbe stato da considerarsi un ciarlatano. Naturalmente Houdini voleva con questo mettere in scacco i medium sul loro terreno, ma secondo me comunque anche Houdini alla fine perse il filo: che bisogno c'è di mettere una parola segreta per certificare la nullità del nulla?

Ma quanto alla musica, può essere essa stessa una creazione degli spiriti attraverso un medium? Bill Ward pontificava sul fatto che i Black Sabbath componessero in qualche modo “ispirati” da un'energia superiore, attraverso qualche canale. Che si trattasse di allucinogeni introdotti tramite l'esofago? Segatine del genere ce le rifilano numerosi artisti, a cominciare dai Beatles. La melodia di "Yesterday" sarebbe venuta in sogno a Paul McCartney, quindi evidentemente dettata da qualcuno dall'aldilà, poiché Paul non sapeva leggere o scrivere la musica. Come se l'uomo fosse arrivato a comporre musica leggendo dei pentagrammi...

Leggendo i commenti in rete, si deve rimproverare a King di essere stato un po' troppo scarno nel descrivere i pericoli della seduta spiritica. D'altra parte probabilmente lui semplicemente voleva distogliere la gente dal farle, senza troppo indugiare sui dettagli tecnici, che avrebbero fatto venir voglia anziché spaventare. Per esempio però mi pare essenziale sapere che, se uno spirito vi sta dettando delle parole sulla tavoletta, e improvvisamente vi detta una serie di lettere in ordine inverso (dalla Z alla A), non sta cercando di mandare informazioni in entrata ma sta cercando di aprirsi un varco per entrare nel mondo dei vivi.
Per esempio quando uno fa i test per capire se ha l'Alzheimer gli si fa scandire una parola al contrario, dall'ultima lettera alla prima. O anche contare a ritroso da 100 a intervalli di 7. Se ci riesce è normale, ma probabilmente fa entrare uno spirito maligno in ambulatorio.
Se uno spirito, anziché dirvi che si chiama con un nome plausibile, tipo – che ne so – Pazuzu, asserisce di chiamarsi Lucio, o Luciano, è evidentemente un subdolo tentativo di mettervi in contatto con Lucifero.

Ma queste sono le malizie del medium navigato, quindi non vogliate saperne troppo. Usate la cautela di King Diamond, e il buon senso del defunto Tomas Milian, che qui vogliamo ancora una volta onorare con una citazione sul mondo dell'occulto.

Dalla medium Armida:

Ma come ? Se ne va proprio ora che la palla ha detto che è la mia anima gemella ?!”
Eh, ma le mie hanno detto che nun è vero, me dispiace”



A cura del Dottore